tifosiblucerchiati

Comunicato dei gruppi

Sono personalmente d’accordo su tutto. Ed è la prima volta che mi ritrovo a pensare ciò del presidente dell’U.C. Sampdoria.

———

CON NOI IL SIGNOR FERRERO HA CHIUSO

A Maggio del 2016, praticamente due anni dopo il suo insediamento alla presidenza dell’U.C. Sampdoria, stanchi di tutta una serie di uscite fuori luogo e di atteggiamenti incompatibili con il decoro che la sua carica dovrebbe imporre, siamo andati a chiedere al signor Massimo Ferrero che questi continui episodi finissero, che venissero da lui rispettati la storia, i colori, la tradizione e la tifoseria della Sampdoria. Lo abbiamo fatto di persona, su mandato di un’assemblea pubblica di tifosi Sampdoriani, lasciandoci con l’impegno a rispettare questa richiesta.

Oggi, a due anni di distanza, e senza dimenticare uno striscione in gradinata che lo invitava a non parlare se non conosce la nostra storia… prendiamo atto che tale impegno é venuto meno, con frasi ingiuriose, persino con velate minacce, e peggio ancora con un invito a “starsene a casa” per aver espresso un legittimo e largamente condiviso rammarico per l’epilogo della stagione che va a concludersi.

Pertanto con noi, quelli che quando viene bene sono il 12esimo uomo in campo, quelli che sono la più bella tifoseria del mondo, il signor Ferrero ha chiuso. Non ci rappresenta né ci rappresenterà più in nessuna maniera.

Due precisazioni:
-La rottura col sig. Ferrero non coinvolge in nessuna maniera i collaboratori della Sampdoria, che svolgono con professionalità il loro mestiere, che stimiamo e che siamo certi si sentano allo stesso modo colpiti da questi comportamenti inaccettabili
-Le forme di dissenso che adotteremo NON avranno come teatro lo stadio di Marassi o qualsiasi altro stadio in cui sia impegnata la Sampdoria. Questa faccenda non può e non deve nuocere alla squadra, in nessun caso e per nessun motivo.

Chiediamo a tutti i Sampdoriani che desiderano approfondire l’argomento di presenziare alle ore 21:00 di Martedì 22 Maggio presso Sala Chiamata del Porto.

Cattivi Maestri
Fedelissimi
Federclubs
Fieri Fossato
Molesti
Struppa 86
Ultras Tito
Valsecca

42
Rispondi

25 Discussioni
17 Risposte
0 Abbonati
 
Commento con più reazioni
Discussione più calda
16 Autori dei commenti
GecodallastellaallastallaEuro-SirQWERTYroberto81 Autori di commenti recenti
  Sottoscrivi  
Notifica per
uber
Utente storico

Ciao caro…
Ma cosa cazzo devo sentire.
Abituati a “ciao caro”…
Ma cazzo…
Forse abituati a gente che parla italiano, forse quello si.
Forse abituati a persone che non si fanno intervistare con la sciarpa in testa, o che non fanno il cascamorto con le giornaliste.
Che non insultano la Sampdoria, la sua storia e i suoi tifosi.
O che non fanno i signori coi soldi degli altri.
Ciao caro…
Forza Sampdoria!

roberto81
Utente storico

Prima di morire uno dei miei crucci sarà riuscire a sapere dai Garrone come ci si senta ad aver regalato un simbolo di Genova, con tanto di soldi in mano e garanzie….per poi farsi prendere pure per il culo……mah.

Il_Duca
Utente

Scusa se te lo meno amichevolmente ma è un mio “pallino”:
“Dai Garrone” no, non lo posso sentire, perché accomuna padre e figlio.
A mio (soggettivo) parere non sono paragonabili, ma vabè opinione mia…
Nella vendita, invece, non sono (oggettivamente…) accomunabili!

roberto81
Utente storico

Hai frainteso Duca…..non intendevo Riccardo e Edoardo, ma tutti i figli di Riccardo. Perchè la cessione a Ferrero è farina del sacco di tutti gli eredi. Con i Garrone interndo loro……

QWERTY
Staff

ma scusa, togliamo un attimo Garrone dal discorso, perché devo sentire insultare la storia della mia squadra? perché devo sentire che prima dell’avvento di ferrerò la Sampdoria la conoscevano fino a chiavari (quando tra l’altro vabbè lasciamo stare)?
non è manco quella degli scappati di casa la questione… DEVE TACERE! e se la samp gliel’hanno regalata ANCOR DI PIU’… perché sta figure DEL CAZZO non le possiamo più ricevere!!! ti si chiede di tacere e vai a fare una intervista da Auriemma? allora è chiaro che lo fai apposta.

Euro-Sir
Staff

Alla fine la manifestazione di dissenso nei confronti di ferrero ha avuto luogo. È stata civile e pacata, come da sempre si confà alla tifoseria della Gradinata Sud, capace di trascinare la squadra allo stadio e allo stesso tempo di iniziative sempre ragionate e significative fuori dal Ferraris.
È stato sottolineato che non si chiede a nessuno di andarsene (prerogativa, questa, della gradinata lato carceri), ma che la presidenza – e solo quella – coi suoi modi di fare non rappresenta la tifoseria blucerchiata per quello che è sempre stata e continua ad essere. Sì è anche ribadito che il sostegno alla squadra non mancherà mai, tant’è che invece di cantare contro ferrero i ragazzi hanno cantato per la Samp, come fanno sempre e da sempre.
Ovviamente il sito che incarna il peggio dei sampdoriani (non lo nomino neanche, tanto sappiamo tutti qual è) non perso occasione per attaccare gli Ultras e chi ha partecipato alla manifestazione, con un editoriale (?) A dir poco delirante. Si parla di flop, di contestazione senza motivazioni e – cosa ancor più grave da parte di un autore che presumo vivere a Genova – si travisa per l’ennesima volta la causa scatenante di questo malcontento, con un esercizio che definire di malafede è forse poco anche perché quella causa – la reazione scomposta di ferrero allo striscione sul crederci e non l’uscita sugli scappati di casa – è stata chiaramente specificata nel primo comunicato di protesta dei gruppi… Comunicato che forse l’autore dell’articolo ha omesso di leggere. Si sa che chi scrive su quel sito si emoziona solo per il calciomercato e per gli acquisti, ragion per cui il feeling con ferrero che disfa la squadra ogni anno è quasi scontato, ma puntare il dito contro chi da sempre fa sì che la Sampdoria abbia fatto del Ferraris il suo “fortino” e non sia mai sola in nessuna trasferta è quasi demenziale.
Poi, magari, lo stesso autore dell’articolo è tra quelli che comodamente seduto al suo posto allo stadio fa le foto alla coreografia della Sud nel derby per poter dire “siamo stupendi”, appropriandosi di qualcosa che non gli appartiene.
Davvero, quando leggo certe cose mi convinco che il male peggiore della Sampdoria sono certi sampdoriani.

Geco
Utente

Il dissenso e’ certamente da rispettare ma credo si possa essere d’accordo che i contenuti e la forma di questa manifestazione sono certamente piu’ maturi e sobri della media delle uscite pubbliche del nostro Presidente. Chi non capisce e’ perche’ non vuol capire