messaggi-in-liberta

La desertificazione della Sardegna

È da anni oramai che questo sito si occupa della questione. Alcuni perché hanno lontani legami con la Sardegna, altri hanno semplicemente notato che la parola desertificazione contiene le parole “deserti” e “zione”.

Con questa ondata di caldo (che ci ha francamente un po’ sfrancicato le proverbiali, e oramai sudatissime, palle) la situazione deve essere oramai drammatica.

Notizie più precise da poetto e roberto? Notizie da chi è sicuramente in vacanza fra le dune?

10
Rispondi

4 Discussioni
6 Risposte
0 Abbonati
 
Commento con più reazioni
Discussione più calda
5 Autori dei commenti
roberto81poettoGecouberEuro-Sir Autori di commenti recenti
  Sottoscrivi  
Notifica per
Euro-Sir
Staff

Sono stato in vacanza in Sardegna il mese scorso, ma in una zona che apparentemente non sta risentendo troppo di questo problema. Sono molto legato a quella terra e naturalmente mi preoccupa molto il processo in atto negli ultimi decenni. Mi chiedo se gli studi in merito siano riusciti a determinare se è in qualche modo possibile invertire la tendenza.

Geco
Utente

Ad ogni buon modo la Sardegna quest anno e’ “verde” come non mai grazie anche alle abbondanti pioggie di questa primavera. Senza nulla togliere alla fica

uber
Utente storico

Pare che un gruppo di scienziati del MIT di Boston abbia proposto di reinverdire le sempre più ampie aree desertiche dell’isola, innaffiandole ogni mattina con i resti delle bottiglie di Crystal lasciate a metà sui tavolini dei locali della costa la sera precedente.
I nostri studiosi asseriscono che il flusso di champagne proprio di una qualunque serata di agosto in Costa Smeralda risulta superiore alla portata media di una giornata estiva degli acquedotti della medesima zona.
Tale gruppo di menti illuminate, inoltre, sta cercando di reperire fondi per proseguire l’utile studio ampliandolo ai più volgari (ma probabilmente ugualmente utili) prosecchini da aperitivo.

Geco
Utente

va bene anche se e’ mischiato ad aperol dicono… Il prosecco invece rigorosamente gasato a scorregge per usare soloo prodotti naturali

Geco
Utente

in Sardegna per esempio ormai da decenni hanno cercato di porvi rimedio incrementando il flusso di fica nella stagione calda. Da rimarcare negli ultimi anni il generossissimo contributo della Russia

uber
Utente storico

Questo non è altro che un mezzuccio usato dai poteri forti per distrarre la massa e non fargli vedere le disastrose condizioni della boccheggiante isola sarda.
Bastano un paio di culi ben posizionati e le dune, come per magia, scompaiono alla vista dei tanti turisti boccaloni.

poetto
Staff

La Sardegna va a filu e ferru, mica ad acqua quindi il problema non si pone.

Geco
Utente

A questo punto dovresti anche raccontare l’origine del nome filu e ferro :-)

poetto
Staff

Beh è semplice. Quando era proibito distillare alcol le bottiglie venivano nascoste sotto terra e per ritrovarle si metteva come segnale un filo di ferro.

roberto81
Utente storico

Leggo solo ora……dal mio opinabilissimo punto di vista personalmente non mi sono mai accorto di questo annoso problema. Mi sono accorto invece che anche quest’anno con tutta la figa che mi è sfilata innanzi, ho naturalmente perso altre diottrie…….e questa cosa comincia a pesare con il passare degli anni.